Riceviamo e pubblichiamo da Pino Torchia

Gentile redazione vi posto una lettera scritta da un sacerdote e non da un infedele o da un comunista mangia bambini,visto che nei vostri banner alla voce ultime notizie, non vi è niente di simile ho pensato subdolamente che anche voi fate censura.Smentitemi e buon lavoro.

 

L’immondo travestito da agnello. Berlusconi scrive al Papa sulla pedofilia

di Paolo Farinella, prete, 22 marzo 2010

OggiAggiungi un appuntamento per oggi il presidente del consiglio italiano, Silvio Berlusconi, scrive al Papa per complimentarsi della lettera agli Irlandesi sui preti pedofili. Egli scrive che Benedetto XVI «è chiamato a confrontarsi con situazioni difficili, che diventano motivo di attacco alla Chiesa e perfino alla sostanza stessa della religione cristiana». Poverino! Non riesce a pronunciare la parola «pedofilia». Si è sforzato, ma non ci riusce perché dovrebbe parlare di «sessualità scomposta» perpetrata in luoghi e sedi istituzionali, a dispetto e dileggio di quella morale cattolica di cui ogni giorno pubblicamente fa i gargarismi, mentre in privato ne fa strage. Non può parlare di «sesso», lui che, mentre inneggia «alla sostanza stessa della religione cristiana», frequenta prostitute a pagamento dietro compenso in denaro e in posti in parlamento o al governo e dalla moglie è condotto in giudizio per separazione per colpa.

Qual è il significato di questa lettera insulsa, senza senso, ridicola e immotivata? Io penso che voglia cavalcare il momento di difficoltà del Vaticano, criticato da larghissima parte della Chiesa che ha valutato la lettera agli Irlandesi inadeguata, insufficiente, scontata. Dopo il fallimento del raduno di Roma con metà presenze di precari pagati a cento euro cadauno, il debosciato ha bisogno di ricrearsi una verginità formale e vuole fare sapere al mondo intero che egli sta dalla parte del Vaticano, sempre e comunque. L’immondo travestito da agnello.

Ancora una volta ci troviamo di fronte ad una strumentalizzazione di un momento tragico e doloroso della Chiesa con responsabilità oggettive di papa Ratzinger e contorno e il Caimano ne approfitta subito per fare una genuflessione blasfema ad uso personale, perché il fantoccio di uomo non sa vedere altro che usi personali, addomesticati alla sua bisogna. La lettera al papa, opportunamente divulgata, è una forma di propaganda elettorale verso quell’elettorato debole cattolico che si lascerà incantare da questo tronfio e immondo pifferaio.

Il tocco finale, da lupanare, è il riferimento all’efficacia della lettera dovuta secondo lui alla «umiltà e sincerità unita alla chiarezza delle ragioni che il Papa mette in campo». Riguardo all’umiltà, Berluskoniev è un maestro impareggiabile: umile, mite, altruista e, quello che più conta, fondatore del partito dell’amore a pagamento e delle prostitute affittate «a carrettate», con i cattolici che tengono bordone e reggono il moccolo.

Da cattolico inorridisco e vorrei sperare che il Papa usasse le sue scarpette rosse per il tiro al bersaglio, nella certezza che questa volta lo Spirito Santo guiderebbe la santo mano per fare centro sul bersaglio catramato e inamidato. So anche, però, che l’Utopia in Vaticano è morta e sepolta da un pezzo. W l’umiltà! Parola di Berluskoniev, spergiuro di professione.

(23 marzo 2010)

Annunci

2 risposte a “Riceviamo e pubblichiamo da Pino Torchia

  1. la legge é uguale per tutti ?se si perchè abbiamo in parlamento 24 pregiudicati e neanche un arresto, io ho avuto guai per molto meno. la differenza e che io sn un uomo qualunque non faccio le leggi sn la garanzia che c’è la democrazia, ma devo restare zitto e buono nella mia corsia. E intanto i nostri grandi politici se la spassano a prenderci per il culo insieme alla loro cerchia di amici. Il fatto éche lo schifo che stanno combinando mi fa sembrare nulla questa lettera al papa. L’altra volta su you tube ho visto un video pubblicato da un ragazzo calabro che vive in germania, il video é stato fatto nel parlamento europeo, dove un nostro magistrato diceva a chiare lettere che berlusconi ha firmato accordi con la mafia calabra, per caricare su delle navi al porto di genova scorie nucleari per poi venire ad affondarl nel nostro mare. bene nn so se crederci o no ma fatto sta che di una nave di queste se ne parlato anche ai tg tempo fa. C redo che in italia la gente sia stufa di questi politici ma le cose nn cambiano mai e tutti si interressano sempre di meno alla politica,il popolo in italia è davvero sovrano? e l’europa che ci ha dato e che fa per noi?

    Mi piace

  2. Beh, caro TESSIER, la legge, da nessuna parte al mondo e’ uguale per tutti tanto meno in Italia.
    Te lo dice uno che per trentacinque anni ne è stato un operatore.
    Per noi comuni mortali vivere e’ come attraversare un campo minato: nel senso che ci vuole pochissimo per incorrere nella commissione di qualche reato: dall’oltraggio alla calunnia ai piccoli furti ecc. oppure nell’omettere di fare una cosa che la legge prescrive .
    Ti diro’ ancora di piu’. Alcune persone che hanno voglia di commettere qualche reato “importante” si mettono al tavolino e discutono sul loro comportamento da tenere nello “svolgimento dell’azione criminosa” e tra gli eventuali danni scelgono, si fa per dire, il minore!
    Oggi si puo’ tranquillamente affermare che se ognuno di noi non ha almeno un avviso di garanzia non e’ degno di fare parte della societa’.
    Posso infine affermare che siamo sulla buona strada: in effetti e’ molto difficile oggi trovare una persona “integra” e moralmente ineccepibile.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...